TRAUMI ED USTIONI

Cicatrici . ipertrofiche, cheloidi, retrazioni cicatriziali,cicatrici da acne

La cicatrice rappresenta un po’ il “biglietto da visita” di un intervento chirurgico di superficie e non. La cura della ferita chirurgica è fondamentale anche dopo l’intervento chirurgico, attraverso corrette medicazioni e l’uso di sostanze e medicamenti utili a produrre una corretta cicatrice.

Quando la cicatrice è già deturpante il chirurgo plastico adotta criteri di vario tipo ,dall’uso di sostanze iniettabili ad altri consistenti nel determinare una compressione su cicatrici ispessite e quindi un loro graduale miglioramento. Se dopo tutto ciò non bastasse, il bisturi, il laser ,etc possono rimediare.

La medicina rigenerativa con l’uso di PRP e di trapianto di adipociti (grasso) possono generare un importante miglioramento di cicatrici retratte, dolenti, ispessite . E’ molto importante la valutazione del chirurgo per capire lo stadio clinico nel quale si trova la cicatrice , comprendendo quindi se fosse necessario anche l’uso di infiltrazione di sostanze anti-infiammatorie , associate anche a radioterapia a raggi molli,