CICATRICI

La cicatrice rappresenta l’esito di un evento traumatico come un intervento chirurgico, un trauma, una malattia (varicella,acne,etc)

Le cicatrici visibili , anche dopo alcuni anni, sono quelle che hanno avuto un disturbo del processo di cicatrizzazione ,ovvero un’alterazione della normale guarigione della cicatrice per motivi infettivi,infiammatori,iatrogeni. Tali cicatrici possono quindi evolvere in modo esuberante e quindi diventare ipertrofiche o addirittura cheloidee se superano in grandezza l’estensione della cicatrice originale. Di contro esistono cicatrici retratte, introflesse, da imputare a necrosi dei tessuti molli sottostanti ,come quello dermo-adiposo , vittime di traumi complessi o ustioni profonde.

La terapia

La terapia delle cicatrici compete agli specialisti in chirurgia plastica, esperti nei trattamenti dermocosmetologici e chirurgico-plastici che possono spesso migliorare lo stato delle cicatrici , fino anche alla loro quasi completa dissimulazione. I trattamenti consigliati sono:

– filler con acido ialuronico 

– dermoabrasione

– laser

– medicina rigenerativa : PRP (plasma ricco di piastrine dello stesso paziente o da donatore) Lipofilling (trapianto di grasso dello stesso paziente)

chirurgia

La medicina rigenerativa con l’uso di PRP e di trapianto di adipociti (grasso) possono generare un importante miglioramento di cicatrici retratte, dolenti, ispessite . E’ molto importante la valutazione del chirurgo per capire lo stadio clinico nel quale si trova la cicatrice , comprendendo quindi se fosse necessario anche l’uso di infiltrazione di sostanze anti-infiammatorie , associate anche a radioterapia a raggi molli,

Soltanto l’esperienza e la professionalità a 360° del chirurgo plastico potrà indicare il trattamento migliore per ogni caso clinico, utilizzando a volte metodiche combinate con il risultato di un più rapido raggiungimento del miglioramento clinico.